Freedom nasce dall’idea imprenditoriale di una donna, Domenica Bevilacqua, che dopo essere rimasta disoccupata ha trovato la forza di avviare una propria attività.

«Ho perso il lavoro nel 2009 – racconta – e, dopo aver inutilmente cercato altre opportunità, ho avuto l’idea di aprire un locale con prodotti senza glutine, mossa dalla mia esperienza di persona celiaca; all’inizio pensavo a una rivendita, poi ho deciso di sviluppare un mio punto ristoro».

Domenica Bevilacqua si è rivolta alla Fondazione Don Mario Operti, realtà torinese che «opera per fornire gli strumenti e l’accompagnamento per avviare le persone verso una piena autonomia, superando la mera assistenza economica, propria della solidarietà passiva, per sviluppare azioni di solidarietà attiva». Insieme alla Fondazione ha elaborato una bozza di progetto; poi si è iscritta al programma Mip (Mettersi in proprio) della Regione Piemonte, strumento creato per «sostenere concretamente chi ha in mente un’idea di impresa e seguirlo passo passo nella sua realizzazione», con una rete di professionisti e servizi specifici per potenziali imprenditori.

«Strada facendo le idee prendevano forma e si modificavano. Questa fase ha richiesto un anno e mezzo di lavoro; ho fatto ricerche di mercato sulla zona e sulla clientela, sviluppato il business plan e presentato la domanda per il fondo regionale per il microcredito».

Tra gennaio e giugno 2013, Domenica Bevilacqua ha individuato il locale, scelto le attrezzature, avviato i lavori di ristrutturazione; il finanziamento regionale è arrivato a fine mese ma a inizio giugno il primo locale Freedom (che allora si chiamava Café & Patisserie Gluten Free) era già aperto.

«Avevo tanta voglia di fare e una carica incredibile perché credevo molto in questo progetto, e così sono partita appena possibile».

I risultati le hanno dato ragione e a settembre 2019 Domenica ha aperto il secondo locale di Torino, in via Arcivescovado 9, con il nuovo marchio Freedom ma rispettando l’idea inziale, ovvero offrire cibi sani e di qualità in un ambiente confortevole, a tutti e non soltanto ai celiaci.